.
Annunci online

Investire sul lavoro per far ripartire la Lombardia con il piede giusto.

25 marzo 2010
Venerdi' 2 aprile sciopero del gruppo Carrefour
VENERDI' 2 APRILE 2010 SCIOPERO DEL GRUPPO CARREFOUR
e
MANIFESTAZIONE NAZIONALE A MILANO
Ipermercato Carrefour V.le Milanofiori - Assago

Solidarietà e condivisione della lotta dei lavoratori del gruppo Carrefour, che hanno dovuto subire la disdetta del Contratto Integrativo stesso e l'applicazione unilaterale di tagli a diritti e salario.

Occorre manifestare la contrarietà e il dissenso nei confronti delle scelte dell'azienda e ribadire la contrarietà e l'illegittimità della disdetta del Contratto Integrativo aziendale operato da Carrefour, che azzera anni di contrattazione senza garantire l'occupazione.

Bisogna impedire all'azienda di far pagare ai lavoratori la crisi e gli errori di gestione compiuti in questi anni.

Carrefour (GS e DiperDi) è la più importante azienda della grande distribuzione in Italia, con oltre 20.000 lavoratori occupati, di cui 5.000 solo il Lombardia.

Non le si deve consentire di generare una situazione di dumping rispetto alle altre aziende del settore, creando un precedente pericoloso e distruttivo per le relazioni sindacali e per le regole della contrattazione.

Carrefour deve presentare un piano industriale chiaro che dia certezze all'occupazione e allo sviluppo in Italia e nella nostra regione.

Anche le istituzioni, a partire dalla Regione, devono promuovere iniziative finalizzate alla riapertura del confronto, al ripristino di corrette relazioni, con al centro la dignità del lavoro.

Maurizio Zanetti
Candidato al Consiglio Regionale della Lombardia

23 marzo 2010
Una candidatura, una storia

Il 28 e 29 marzo ci saranno le elezioni per il rinnovo del consiglio regionale della Lombardia, ho deciso di candidarmi per portare all'interno di questa importante assemblea le ragioni di chi studia, di chi vive del proprio lavoro, di chi, con anni di fatica, si è conquistato il diritto alla pensione e di chi il suo futuro lo sta ancora progettando.

La  mia storia mi consente di candidarmi a testa alta a difesa di quelle categorie, essendo da sempre presente nel mondo del lavoro, sin da quando, giovane studente lavoratore, ero occupato in un'industria chimica di Cinisello Balsamo e poi nella CGIL, entrando prima nella segreteria della CDLM di Milano, poi nella segreteria regionale di CGIL Lombardia. per questo so come sia importante promuovere e rivalutare il lavoro per far ripartire la Lombardia con il piede giusto, abolendo innanzitutto la tassa addizionale regionale decisa da Formigoni, realizzando così un primo passo per l'incremento del reddito a disposizione di pensionati e lavoratori. So anche che la crisi ha colpito duro in Lombardia e molti l'hanno pagata con la cassa integrazione e altri sono stati addirittura licenziati.

penso che laregione debba intervenire più adeguatamente nella tutela del posto di lavoro, estendendo a tutti gli ammortizzatori sociali e aumentandone il valore, può inoltre fare molto di più di quello che sta facendo per ricollocare, in tempi brevi, chi ha perso il lavoro, in particolare chi è scarsamente o per nulla tutelato come i precari e i lavoratori con partita IVA.

per me, diversamente da quanto fatto fino ad ora dalla giunta di destra, la regione deve sostenere e promuovere gli investimenti per far ripartire l'economia, dare un concreto sostegno alla scuola, soprattutto pubblica, sostenere la ricerca, l'innovazione tecnologica e aiutare la green economy, ponendo le basi di uno sviluppo più sano e rispettoso dell'ambiente in cui viviamo.

Dare un voto utile per il lavoro, per questo ti chiedo di votare PD e di scrivere Zanetti sulla scheda elettorale il 28-29 marzo 2010


23 marzo 2010
In giro per l' Hinterland Milanese 2

Cesano Boscone (MI)


22 marzo 2010
Anche tu puoi fare qualcosa

Il LAVORO è un problema molto serio da non sottovalutare, come invece fa Formigoni.

Una persona senza LAVORO si sente esclusa dalla società.

Ad una certa età perdere il LAVORO mette a rischio il proprio futuro.

Per questo ed altro ancora il mio impegno principale è per il LAVORO.

Scegli ZANETTI

ANCHE TU PUOI FARE QUALCOSA

 


20 marzo 2010
La tutela dei consumatori: Un tema importante

fonte foto

 

Il tema dei diritti dei consumatori–utenti e'stato spesso trascurato dalla politica che ha sottovalutato le necessità degli stessi ed e' arrivata solo recentemente a vedere con maggiore attenzione e con il giusto peso, la“dimensione” consumatori. Questo non ha impedito che gli stessi consumatori, organizzandosi in associazioni come la Federconsumatori, Adoc ,Adconsum riuscissero ad ottenere importanti risultati, anche legislativi, come “Il Codice del Consumo” o, più recentemente la “Class Action”.

La politica, su questi temi, era in ritardo.

Un ritardo che oggi va recuperato con interventi in grado di dare ai consumatori una rete di protezione ancora più forte, sia attraverso un maggior sostegno alle associazioni di rappresentanza, sia promulgando nuove norme a livello regionale.

In particolare penso ad una legislazione in grado di garantire la tutela di fondamentali diritti: il diritto alla legalità e correttezza del mercato; il diritto ad una informazione accurata e trasparente.

Ma anche diritti che si danno per acquisiti ma non lo sono: il diritto di viaggiare, senza ritardi cronici e senza disservizi, mancanza di informazioni, sovraffollamento, come invece avviene da tempo sui treni lombardi.

Ebbene sono convinto che alcuni standard di qualità ed efficienza siano essenziali, non solo per il servizio trasporti, ed andrebbero rispettati, anzi di più, imposti per legge ai servizi pubblici, in particolare a quelli rivolti a soggetti deboli o svantaggiati.

Penso ai servizi, insufficienti, per gli anziani, persone che andrebbero tutelate meglio con politiche sociali ad hoc e con maggiori interventi di buona amministrazione. Penso ai servizi, insufficienti, per mamme e bambini che affrontano una cronica mancanza di strutture come quella degli asili nido oggi assolutamente insufficienti (mancano 20 mila posti!). Penso ai servizi, insufficienti, per i giovani che oggi, senza adeguati sostegni, non possono nemmeno progettare un futuro o la prima casa.

Penso anche ad alcuni servizi vitali, come, ad esempio, la fornitura dell'acqua, che non possono prescindere dalla condivisione e dal coinvolgimento dei cittadini e devono quindi restare pubblici.

Ebbene alcuni standard, dicevo, andrebbero garantiti per legge.

Non e' facile, lo so. Occorre allora impegnarsi, anche con l’aiuto delle Associazioni consumeristiche, a lavorare per una amministrazione che sappia essere trasparente ed efficiente e sappia sottoporsi “al vaglio” costante dei cittadini, nonché  alla supervisione di una Authority esterna, come propone la lista del Partito democratico, per cui mi candido.


20 marzo 2010
In giro per L'Hinterland Milanese

Buccinasco (MI)

 


18 marzo 2010
Punto Uno: IL Lavoro
 

Il bisogno di lavorare l'abbiamo dentro e non è solo un modo di dire.

Non solo perchè ci da banalmente da mangiare ma perchè è il lavoroche ci permette di realizzare il nostro progetto di vita.

Puoi essere un lavoratore dipendente, un precario, un artigiano o un imprenditore ma la questione non cambia: hai bisogno del lavoro. Ne hai bisogno per vivere la tua giornata e per progettare il tuo futuro.

Perchè se perdi il lavoro non puoi più sognare di mettere su casa o di far studiare tuo figlio.

E' il lavoro che sosiene sia chi è attivo, sia chi è in pensione garantendo a tutti servizi efficienti.

In questo momento è soprattutto il lavoro che ci può davvero far uscire dalla crisi, che non è passata come tutti vorremmo.

Maurizio Zanetti

16 marzo 2010
Un voto utile per il lavoro

Settimana scorsa l'incontro con una delegazione di lavoraratori di E-Care, azienda leader nel settore CRM solution, nonchè partner di importanti aziende del settore telecomunicazioni, ha dato la possibilità di illustrare e rafforzare  il programma portato avanti in tutta la campagna elettorale.

I ragazzi di E-Care, con la loro delegata Antonella Berardocco e il funzionario CGIL Lorenzo Infante hanno accolto positivamente l'impegno e la passione che sono il fulcro dell'attività di una vita e dei principi portati avanti negli anni fino ad approdare nella concreta partecipazione politica.

In perfetta linea con il programma pubblicato, Antonella ha elabolato un patto con i lavoratori di E-Care condiviso e sottoscritto con grande piacere.

PATTO CON I LAVORATORI DI E-CARE SPA

MAURIZIO ZANETTI, CANDIDATO AL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA NELLA LISTA DEL PD

SI IMPEGNA

CON I LAVORATORI CHE LO SOSTENGONO A TENERE FEDE E A PROSEGUIRE L'IMPEGNO SIN QUI PROFUSO DURANTE LA SUA LUNGA IN CGIL ED IN PARTICOLARE A PERSEGUIRE RISULTATI NEI SEGUENTI PUNTI:

LAVORO E OCCUPAZIONE

  1. COMBATTERE LA PRECARIETA' PROMUOVENDO NUOVE POLITICHE REGIONALI CHE FAVORISCANO L'OCCUPAZIONE SIA DEI GIOVANI SIA PER QUEI LAVORATORI ESPULSI DAI SETTORI IN CRISI;
  2. FORMAZIONE - POTENZIAMENTO DEI FONDI REGIONALI DESTINATI ALLA FORMAZIONE CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI LAVORATORI ESPULSI DAI SETTORI IN CRISI ED AI GIOVANI;
  3. IRAP - RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE ALLE IMPRESE CHE INVESTONO IN MANIERA CONSIDEREVOLE NELL'AUMENTO DELL'OCCUPAZIONE E NELLA FORMAZIONE

TRASPORTO E AMBIENTE

RISULTA INDISPENSABILE FAVORIRE UN MIGLIORAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO CHE RENDA LE PERIFERIE BEN COLLEGATE ALL'AREA METROPOLITANA (NEL NOSTRO CASO CESANO BOSCONE , ECARE 1400 DIPENDENTI CA.) UTILIZZANDO E INCENTIVANDO MEZZI ECO-COMPATIBILI

FAMIGLIA

E' INDISPENSABILE INCENTIVARE E AGEVOLARE L'ACCESSO AI MUTUI CON PARTICOLARE ATTENZIONE AI RAGAZZI

GIOVANI

E' INDISPENSABILE FAVORIRE ED INCENTIVARE LA POSSIBILITA' DI CRESCITA CULTURALE DEI NOSTRI GIOVANI AGEVOLANDO LE FAMIGLIE CON L'ISTITUZIONE DI FONDI CHE GARANTISCANO L'ISTRUZIONE SIN DALLA SCUOLA SUPERIORE.

SICUREZZA

E' NECESSARIO GARANTIRE LA SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEI CITTADINI NELLE PERIFERIE ATTRAVERSO UN REALE IMPEGNO VERSO L'INTEGRAZIONE CON GLI IMMIGRATI E CON LA LOTTA ALLA POVERTA' E ALLA CRIMINALITA' (PROBLEMI MOLTRO PRESENTI NELLE AREE SUBURBANE COME LA NOSTRA)

 

 


10 marzo 2010
INVITO A CENA!

               INVITO.

Cena elettorale a sostegno del candidato al Consiglio Regionale  ZANETTI MAURIZIO.                  

VENERDI’ 19 MARZO 2010  - alle ORE 20,00 –

presso il Salone G.  Matteotti – Via 1° Maggio   - Cinisello Balsamo.

 

Cortesemente confermi la Sua gradita presenza, a questo indirizzo mail, entro il 14 marzo c.m: mauriziorenatm@libero.it


 

Ringraziando , cordiali saluti.

 

p/ Comitato Elettorale




permalink | inviato da collegio22conveltroni il 10/3/2010 alle 22:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 marzo 2010
Emergenza smog è emergenza salute
 

Il grave versamento di petrolio ed altri liquidi inquinanti, avvenuto qualche giorno fa nel fiume Lambro all'altezza di Villasanta (Monza), ha riproposto con forza la questione ambientale in Lombardia. Una questione che, nonostante le promesse, e' rimasta sostanzialmente irrisolta, anzi e' peggiorata con il tempo! Gli ultimi dati parlano chiaro: le concentrazioni di veleni sono abbondantemente al di sopra delle soglie previste, aumentano i danni all'apparto respiratorio e, di pari passo, crescono i rischi di malattie gravi come tumori, bronchiti, enfisemi. Non si tratta certo di effetti trascurabili e sottovalutarli o, peggio, non riconoscerli e' da irresponsabili!

Oggi solo un forte impegno unitario dei Comuni e delle forze politiche e sociali può metter in atto iniziative volte a contrastare efficacemente lo smog e l’ emergenza ambientale, a partire da risposte energiche (però necessariamente temporanee) come il blocco del traffico, fino ad arrivare a provvedimenti strutturali e più incisivi.

E' fondamentale il miglioramento dei trasporti pubblici, promesso da tempo e mai realizzato: questo vuol dire nuove corsie riservate per tram e bus; il completamento delle linee del metro; una decisa riqualificazione del sistema ferroviario locale, che comprenda anche l’integrazione tariffaria tra i vari gestori dei trasporti pubblici.

E' di massima importanza inoltre l'attuazione di provvedimenti volti a limitare l'emissione di gas inquinanti, come gli incentivi per riconvertire le caldaie inquinanti e quelli per la rottamazione dei diesel.

Si tratta di provvedimenti che richiedono impegno, coordinamento, decisione e possono e devono accomunare tutte le forze politiche. Perché la salute non e' né di destra né di sinistra, o di centro. E' di tutti! E dobbiamo difenderla, prima che sia troppo tardi!

Con un piano che contenga provvedimenti a breve, a medio e a lungo termine.

A breve termine servono provvedimenti per migliorare la pedonalità, la ciclabilità, la sosta delle auto e delle due ruote e per moderare il traffico (come previsto anche nel piano nazionale della sicurezza stradale).

E' importante anche l’integrazione tariffaria, sempre promessa e mai attuata, tra i vari gestori dei trasporti pubblici ed infine una diversa organizzazione della distribuzione delle merci.

A medio termine servono interventi migliorativi del trasporto pubblico esistente: nuove corsie riservate e protette per tram e bus; riqualificazione delle linee ferroviarie esistenti come la Mortara-Abbiategrasso-Milano, la Lecco-Molteno-Monza-Milano, la Mantova-Cremona-Milano (per restare in Lombardia). Ed, ancora, sono essenziali il prolungamento delle linee della metropolitana milanese e della Sesto-Monza (che potrebbe essere attuata in tempi brevi e con costi contenuti) e la realizzazione di nuove infrastrutture di viabilità che evitino il passaggio obbligato da Milano .

Oltre ai necessari interventi per ridurre ed eliminare lo smog nell’area metropolitana è fondamentale salvaguardare , sviluppare e difendere i parchi metropolitani a partire dal Parco Nord Milano attualmente frequentato da centinaia di migliaia di persone che ci vanno per passeggiare, giocare con i propri figli, rilassarsi.

Oggi il Parco è messo a rischio da uno sciagurato progetto, condiviso dalla Giunta Formigoni, che prevede la costruzione di un eliporto nel campovolo di Bresso, che è integralmente territorio del Parco Nord. Questo progetto, se attuato, comporterebbe enormi problemi di inquinamento atmosferico e acustico, oltre che di sicurezza dei cittadini. Senza contare il fatto che la zona, fino ad oggi valorizzata proprio dal Parco, perderebbe gran parte del suo valore.

Il Progetto e' in contrasto con il Piano Territoriale del Parco e con un Protocollo d'intesa sottoscritto oltre due anni fa da tutti gli enti interessati a Palazzo Chigi.

Noi pensiamo che il Parco Nord vada tutelato ed ampliato, come previsto da tempo, magari collegandolo agli altri parchi della zona con una gestione unica: potrebbe persino diventare 'modello' per una nuova ''rete ecologica'' che comprenda anche il Parco del Grugnotorto di Cinisello Balsamo che la Regione deve riconoscere come parco Regionale.

E' un obiettivo fattibile che per essere raggiunto ha bisogno di chiara volontà politica. Serve perciò l'impegno dei Comuni, della Provincia e, soprattutto, della Regione Lombardia che avendo istituito il Parco Nord con una propria legge regionale, dovrebbe tutelarlo con impegno e sembra invece andare in tutt'altra direzione!!

La tutela del Parco Nord ed il suo rilancio sono gli impegni che mi assumo gia' da ora se verro' eletto, anche con il vostro aiuto, al Consiglio regionale lombardo.




permalink | inviato da collegio22conveltroni il 6/3/2010 alle 11:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia febbraio   <<  1 | 2  >>